}

venerdì 29 settembre 2017

Rubrica - Tè e Libri - By Nicoletta

Ciao Appassionati, nella scorsa puntata abbiamo parlato della fantastica isola di Ceylon (Sry Lanka) e di come il gusto e il colore del tè possano cambiare in base a molti fattori: altitudine, terreno, meteo, raccolto e lavorazione.
L'isola di Ceylon ha diverse regioni in cui questa benefica pianta viene coltivata, e da queste regioni il tè ne prende il nome.
Le regioni sono sette e oggi ve ne spiegherò le differenze per capire che quando entriamo in una sala da tè, o in un negozio che lo rivende, e chiediamo un tè normale, è quasi impossibile capire qual'è il tè che cercate.
Questo perchè è molto soggettivo, ecco perchè la professionalità di chi avete davanti è importante, deve capire che gusto preferite e quando preferite berlo, se è un tè che usate per la colazione, o come bevanda calda nel pomeriggio.
Diverso ancora se state cercando qualcosa da bere fresco o a temparatura ambiente durante la giornata, perchè non tutti i tè sono adatti.
Nuwara-Eliya
Raggiunge un'altitudine di 2700 metri sul livello del mare e la stagione d'oro per la raccolta è gennaio e febbraio.
Il suo infuso è leggero e delicato, con un aroma dolce quasi moscato, così prezioso che è considerato lo champagne dei tè. 
Dimbula 
Raggiunge un'altitudine di 1800 metri sul livello del mare e la stagione migliore di raccolta è febbraio e marzo.
Il tè raccolto in queste piantagioni è lievemente corposo, dal colore aranciato e dal travolgente profumo.
Uva
Raggiunge un'altitudine di 1800 metri e il raccolto migliore lo troviamo ad agosto e settembre.
Questo tè ha un gusto unico, deciso, con note agrumate, gusto dato dai monsoni che scaricano le pioggie da ottobre a febbraio, lasciando il clima secco s caldo per il resto dell'anno
Uda-Pussellawa
Raggiunge un'altitudine di 1800 metri e ha due raccolti d'oro, dicembre-gennaio e luglio-settembre.
Questa regione incastrata tra kandy ed Uva, è caratterizzata da una catena montuosa poco abitata ma totalmente dedicata alle piantagioni di tè.
Il tè che produce è morbido e delicato, con note rosate verso fine anno grazie al monsone che arriva da nord-est
Kandy
Raggiunge i 1200 metri sul livello del mare e le sue coltivazioni si raccolgono durante tutto l'anno.
Qui troviamo i campi dove furono coltivate le prime piante di tè di Ceylon.
Grazie al clima umido e fresco il liquore che ne proviene è corposo, deciso ma al tempo stesso dolce e fruttato.
Sabaragamuwa
Arriviamo qui ad un altitudine massima di 800 metri partendo da soli 200 sul livello del mare.
La sua raccolta avviene tutto l'anno e nonostante la vegetazione si faccia più fitta, le piante di tè nascono tra essa, in questo modo sono riparate e ci donano un infuso forte e rotondo, ricco di note aromatiche.
Ruhuna
Qui siamo dai 600 metri fino a livello mare e le coltivazioni di tè sono arrivate negli anni sessanta.
In questa terra di elefanti e leopardi, si trova una regione ricca e prolifica.
Grazie al clima mitigato dal mare e alla particolare composizione del suolo, le piante crescono rapidamente e tutto l'anno si raccolgono queste bellissime foglie lunghe e resistenti che restituiscono un infuso scuro, forte e intenso con un retrogusto speziato.
Per oggi vi ho riempito fin troppo di nozioni, ci vediamo nel prossimo appuntamento alla scoperta di questa bevanda benefica.

Nicoletta
Caffè Tè Articoli da regalo
di Valentino Nicoletta
Coccaglio(BS)
sede legale Via caselle n.1
ubicazione negozio Via Martiri della Libertà n.4
mail: valentino.nicoletta1981@gmail.com
 Tel: 0305237503  
FB @solodanicoletta

Ed eccovi una lettura che vi immergerà nella storia del tè.....



Insieme al consumo di tè sta crescendo l'interesse per le sue qualità più pregiate. Anche i tè verdi diventano sempre più popolari. Questo volume si sofferma su circa 100 varietà, ciascuna delle quali illustrata in fotografia e descritta nelle sue caratteristiche botaniche e organolettiche. La sezione iniziale considera altri aspetti legati alla pianta e al suo consumo: le coltivazioni biologiche, la lavorazione delle foglie, gli accessori (teiere, filtri, ecc), l'acqua e le tecniche di preparazione.

Alla prossima tappa, Emanuela.






                                                                        

Nessun commento: