}

mercoledì 21 marzo 2018

Intervista ad Alessandra Toti





Ciao Alessandra benvenuta nel mio piccolo mondo, ho appena scoperto che non sei molto lontana e leggendo la tua biografia sulla tua pagina mi hai davvero incuriosito, quindi iniziamo subito con le domande.

La domanda di rito è chi è Alessandra nel quotidiano, quali sono le tue abitudini?

Ciao, piacere di conoscerti. Chi sono nel quotidiano? Una ragazza sognatrice e creativa che, di contro, oltre a voler diventare un'autrice di fama, sogna di diventare agente di Polizia Locale. Sono un ausiliario del
traffico per ora ma miro a raggiungere il grado di agente. Trascorro le giornate tra lavoro, studio e scrittura, qualche volta non mi faccio mancare una birretta al pub con gli amici.

Ho visto che hai una fitta lista di scritti all’attivo, ci racconti un po’?

Le mie piccole creature di carta sono tutti gli stimoli e i messaggi che la mia anima mi dà per spronarmi a reagire. Sono una tipa molto tranquilla, ma con tanti obbiettivi, soprattutto imparare ad avere fiducia di me stessa. So di non essere la sola a peccare in questo perciò nei miei libri esprimo sempre grande fiducia in sé nei miei protagonisti così, magari, non io ma altri potrebbero trarne ispirazione. Ho compreso i messaggi ma ancora ora non so metterli in atto.

C’è qualcosa, che in qualche modo collega ogni tuo scritto? Un’emozione, un evento o un tema ricorrente.

Ovviamente sì. Nei miei romanzi raccolgo tutte le emozioni più forti che mi sfiorano o eventi che mi toccano particolarmente. Poi, con la mia fantasia, li
rielaboro e li plasmo a modo mio, anche per dare alla realtà una sfumatura più soft.

La passione per la scrittura è sempre stata parte di te crescendo piano piano o è stato qualcosa o qualcuno che la scatenata?

No, la scrittura è una mia dote innata. Da quando ho sei anni, perciò da quando so maneggiare una penna, adoro scrivere e sfogare la fantasia e la creatività che è sempre stata parte di me.

Solitamente prima di essere scrittori si è lettori, tu che tipo di lettrice sei? Hai dei generi preferiti?

Fondamentalmente amo i fantasy, soprattutto quelli di ultima generazione, young adult. Nonostante la mia età adoro le letture per i più giovani, poi punto anche all'horror e lo psicologico per adulti.


Quanto è difficile il mondo della scrittura? C’è qualcosa che critichi e che cambieresti?

E' difficile farsi conoscere, credo. Ma allo stesso tempo so che esistono autori validi che nessuno conosce, quindi punterei di più allo sponsor da parte delle case editrici.

Quali sono (se ci sono) gli autori/autrici italiani e non, che in qualche modo ti hanno spronato e ispirato?

In assoluto (ed è un amore recente) sono fan di Stephen King

C’è un libro che hai letto e che assolutamente consigli? Uno che non sei riuscita a terminare?

Che consiglio ne ho tanti. Per lo young adult mi ero innamorata della trilogia I risvegli ametista di Maurizio Temporin e quella di Starcrossed di Josephine Angelini. Per la parte più adulta direi... Shining di King, di cui mi sono letteralmente innamorata.

Cosa ti aspetti o sogni per il futuro? E a proposito di questo, ci puoi anticipare qualcosa sui tuoi prossimi
scritti?

Non mi dispiacerebbe vedere un mio libro tramutato in un film XD per il futuro posso dire soltanto che ho ancora una dozzina di libri fermi con le quattro frecce, che attendono di essere terminati.

Hai una citazione, un motto a cui sei particolarmente legata o che semplicemente ti piace?

Il mio motto: La mia anima su un foglio, il mio sangue in una penna.

Augurandoti il meglio, spero ti sia piaciuto stare un po’ con noi, a presto Emanuela!







Nessun commento: