giovedì 8 giugno 2017

SEGNALAZIONE - IL CICLO DEI GUERRIERI DEL SOLE #1- BARBARA REPETTO

Buongiorno oggi iniziamo questo giovedi presentandovi un paio di libri, eccovi il primo,per gli amanti del fantasy....





Dati Autore 

Barbara Repetto sogna di fare la scrittrice da sempre, da quando, a soli tre o quattro anni, batteva tasti a caso sulla macchina da scrivere del padre chiedendo trepidante: “Allora, che cosa ho scritto?!” Questa sua passione è cresciuta con lei, ed ora, all’età di ventotto anni, si affaccia all’orizzonte della letteratura italiana con questa sua prima trilogia a carattere fantasy. Nata e cresciuta a Genova, dove ancora oggi vive, serba nel cuore l’amore incondizionato per la sua città, unito ad un interesse profondo per l’arcano e la magia, e alla predilezione per quei valori saldi e indissolubili quali senso del dovere, lealtà e amicizia.

Dati Romanzo

Titolo Saga: Il Ciclo dei Guerrieri del Sole
Titolo Prima Trilogia: L'Alba di un Nuovo Giorno
Titoli romanzi: L’Avvento del Lupo (Il Ciclo dei Guerrieri del Sole, L’Alba di un Nuovo Giorno – Libro I); L’Onore del Drago (Il Ciclo dei Guerrieri del Sole, L’Alba di un Nuovo Giorno – Libro II); Un Sogno di Giustizia (Il Ciclo dei Guerrieri del Sole, L’Alba di un Nuovo Giorno – Libro III)
Genere: Fantasy
Data pubblicazione: 15/12/2016
Casa Editrice: Agenzia di consulenza editoriale “Zenith Books”
Formato: Cartaceo, kindle

Trama (Libro 1)

La Terra del Vespro è in guerra da anni, e la guerra non risparmia nessuno. Cederik dovrà purtroppo fare i conti con questa dura realtà, ritrovandosi a soli tredici anni catapultato in un mondo estraneo e violento, privato dei suoi cari e dei suoi beni, senza alcun tipo di speranza per il futuro. Malgrado la nuova condizione d'impotenza, il giovane protagonista non si darà per vinto: accanto al suo padrone e maestro Ser Nemo riconoscerà lo spirito del guerriero che è in lui, e con determinazione e coraggio forgerà un nuovo destino.

Estratto 

"Al mondo, tutti nascono con una vocazione: c’è chi ha la musica nel cuore, chi la poesia nello spirito, chi possiede la conoscenza della terra nelle mani e chi, come me, sente qualcosa di più vasto scorrergli nel sangue, una forza potente, il richiamo di un luminoso destino al quale sa di appartenere, come l’acqua al mare, come le stelle al cielo.
Un fiume, per quanto nasca da ripide montagne, non può cambiare il suo corso, non importa quanta strada dovrà percorrere, prima o poi accetterà il suo fato e si unirà a qualcosa più grande di lui, portando a compimento ciò per cui è nato, trovando infine il proprio posto, la sua parte nel tutto. 
Nello stesso modo, un giorno, anch’io avrei compreso e trovato il mio posto nella Terra del Vespro.
(L'Avvento del Lupo. Capitolo - I, Un po' di coraggio.)"







Nessun commento: