martedì 27 giugno 2017

RECENSIONE- CUORE INDIANO - MONICA MARATTA


Laura ha letto per noi.....




CUORE INDIANO
MONICA MARATTA
GENERE: ROMANCE STORICO
PAGINE:142







Sinossi

Durante l'incendio di Jamestown, avvenuto il 19 settembre del 

1676 in Virginia, per mano di alcuni coloni ribelli, capeggiati da N.

Bacon, Eleanor viene rapita da un giovane indiano della tribù dei

Pamunkey. Nonostante lo shock iniziale e il difficoltoso adattamento

alla vita selvaggia, nasce un amore sincero tra i due giovani che

tuttavia sarà costantemente ostacolato dagli odi razziali e politici

dell'uomo bianco nei confronti dei nativi americani.


Ed eccomi finalmente qui a recensire questo splendido libro! tenete presente mentre leggerete la mia recensione che non sono una lettrice accanita di libri di storie d'amore ma allo stesso tempo amo i libri con contesto storico e "in costume"...amo immergermi nella storia e indossare vestiti d'altri tempi...quindi perdonatemi se mi soffermerò poco sulla storia d'amore in se ed invece vi parlerò di tutto il resto!
La prima cosa che mi è saltata all'occhio è stato sicuramente il modo di scrivere dell'autrice...fluido...molto fluido (ma già lo sapevo perchè avevo letto Incanto e disperazione quindi non è stata una sorpresa) questo mi ha permesso di leggerlo in diversi step (purtroppo mi si sono accavallate un sacco di cose e passavamo diversi giorni prima che io potessi riprenderlo in mano) senza perderne il filo.  Per quanto mi riguarda quando un libro è scritto in questo modo io riesco a leggere anche 20/30 pagine senza rendermene conto...senza dover stoppare o tornare indietro perchè mi sono persa qualche passaggio...e soprattutto ricordo sempre esattamente dove sono arrivata (tanto che a volte mi sono ritrovata per casa mentre facevo altro a chiedermi come stesse Eleanor!! un po' come quando si segue una serie tv e non si vede l'ora di sapere cosa succede...)
Altra cosa che adoro, come scritto sopra, sono state le ambientazioni...i costumi...il confronto tra diverse culture (mai così attuale come oggi). Quanta ignoranza fra questa gente terrorizzata da ciò che non conoscono! Quanta paura negli occhi di Eleanor quando si rende conto di essere stata presa dagli indiani! 
Poi...poi tutto prende un senso...gli uomini diventano semplici uomini e le donne semplici donne indipendentemente dal colore della pelle...il mondo si capovolge e i cattivi diventano i buoni e i buoni cattivi...Eleanor si rende conto di essere sempre vissuta nella menzogna ed apre il suo cuore a quello che il mondo le stava offrendo..l'amore..
La nuova vita di Eleanor è un susseguirsi si giorni felice per poi ricadere di nuovo nell'incubo.... qualcuno la rapisce..ma questa volta è la sua gente che la obbliga a vivere secondo gli usi e costumi che una volta erano anche i suoi...che la obbliga a vivere con un uomo che non ama, e che non la ama ma ama solo l'idea della moglie che lui stesso voleva, che la costringe a mentire al proprio bambino per la sua sicurezza e per avere il diritto di stargli accanto...
Eleanor inizia il libro essendo una ragazzina impaurita e lo termina trasformata in donna/mamma forte che farebbe qualsiasi cosa per il proprio bambino anche sacrificare se stessa...
"Pagherei Oro, donerei le ricchezze di mio marito o i miei preziosi e inutili gioielli per poterti vedere ogni giorno così felice"
Il finale è abbastanza movimentato e posso dire per fortuna perchè altrimenti sarebbe stato troppo scontato per i miei gusti...
                     Alla prossima.......Laura Alborghetti
                                                                  


Nessun commento: