venerdì 19 maggio 2017

RUBRICA -LIBRI E VIAGGI-



Oggi per la rubrica LIBRI E VIAGGI volevo parlarvi di Carlos Ruiz Zafon  e del suo libro L'ombra del vento,un libro che personalmente ho amato ,soprattutto perchè mi ha fatto conoscere questo straordinario scrittore ma che ha anche aumentato la mia già spontanea curiosità verso la cultura catalana e in particolar modo verso Barcellona,che spero un giorno di poter visitare.




L'OMBRA DEL VENTO
CARLOS RUIZ ZAFON


TRAMA:

A Barcellona, una mattina d'estate del 1945 il proprietario di un negozio di libri usati conduce il figlio undicenne, Daniel, al Cimitero dei Libri Dimenticati, un luogo segreto dove vengono sottratti all'oblio migliaia di volumi di cui il tempo ha cancellato il ricordo.
E qui Daniel entra in possesso di un libro maledetto che cambierà il corso della sua vita, introducendolo in un mondo di misteri e intrighi legato alla figura di Julián Carax, l'autore di quel libro. Daniel ne rimane folgorato, mentre dal passato iniziano a emergere storie di passioni illecite, di amori impossibili, di amicizie e lealtà assolute, di follia omicida e di un macabro segreto custodito in una villa abbandonata. Una storia in cui Daniel ritrova a poco a poco inquietanti paralleli con la sua vita.
Uscito in sordina in Spagna nel 2001, L'ombra del vento è divenuto un incredibile successo grazie al solo tam-tam dei lettori. L'esordio sulla scena internazionale di uno straordinario narratore.

LINK AMAZON:  https://www.amazon.it/Lombra-vento-Oscar-grandi-bestsellers-ebook/dp/B00CD3AD2W/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1495200098&sr=8-1&keywords=L%27OMBRA+DEL+VENTO



Conosciamo un pò l'autore...



Completati gli studi in un collegio di gesuiti a Barcellona, inizia a lavorare nella pubblicità, diventando direttore creativo di una importante agenzia. Inizia la sua carriera letteraria nel 1993 con Il principe delle nebbie, prima parte della trilogia della nebbia. Nel 2001 esce il primo romanzo per adulti, L'ombra del vento, che si trasforma subito in un fenomeno letterario internazionale con otto milioni di copie vendute nel mondo. 
Nel 2008 con Il gioco dell'angelo il successo viene confermato. Il 2009 è l'anno di Marina, seguito da Il Palazzo della Mezzanotte (2010), Le luci di settembre (2011), Il principe della nebbia (2011). Le sue opere sono state tradotte in più di quaranta lingue e hanno ottenuto prestigiosi premi e riconoscimenti internazionali. Nel 2012 esce in Italia la terza parte della saga inaugurata con L'ombra del vento: è Il prigioniero del cielo
Nel 2013 Mondadori riunisce in un volume i tre romanzi della Trilogia della nebbia, che si conlcude nel 2016 con l'uscita, sempre per Mondadori, de Il labirinto degli spiriti
Zafón vive a Los Angeles dal 1993 dove scrive anche sceneggiature di film per Hollywood. Collabora regolarmente con i quotidiani spagnoli El País e La Vanguardia.


E ora scopriamo Barcellona e i suoi segreti...













Barcellona è una di quelle città che non ha bisogno di presentazioni: semplicemente splendida, vitale, colorata! Meravigliosa dal punto di visto artistico, con il suo centro medievale Barrio Gotico e gli edifici modernisti dell’Eixample, è rinomata anche per la sua fantastica vitalità, i suoi locali, la movida che non finisce mai. Barcellona ha tutto, musei ricchi di tesori inestimabili, meraviglie architettoniche, spiagge vivaci e vie sempre animate. http://www.barcellona.org/

La Barcellona di Carlos...

La storia del romanzo comincia proprio in un quartiere che non potete assolutamente perdervi: è il Raval e si trova a destra de La Rambla, venendo da Plaça de Catalunya. Lì un giorno il padre di Daniel decide di portare il ragazzo a scoprire un luogo magico: il Cimitero dei libri dimenticati, dove il giovane Sempere verrà in possesso del romanzo di Juliàn Carax che cambierà la sua vita. Oggi il Raval è un quartiere multietnico e colorato, ed è anche la sede di Palau Güell, una residenza cittadina costruita da Gaudí: se salirete sul tetto dell’abitazione scoprirete un mondo di comignoli colorati, vi sembrerà di vivere in una favola.
Sia la casa che la libreria del protagonista de L’ombra del vento si trovano nello storico Barri Gòtic: è tra le viuzze del cuore antico di Barcellona che si muovono Daniel, il padre e Fermin. In calle Santa Ana l’appartamento dei Sempere, in calle Fernando la libreria dell’altezzoso don Gustavo Barcelò. Poi l’Ateneo, dove Daniel incontra il suo primo amore, Clara. Centrale è anche la bellissima Plaça Reial, dove abitano i Barcelò e dove una notte Daniel conosce Fermin sotto i portici. Molto importante è anche una piazzetta deliziosa, da non perdere: Plaça de Sant Felip Neri, dove abita Nuria Monfort.
In Carrer de Josep Anselm Clavé c’è il negozio dove un commerciante disonesto vendeva la famosa  Montblanc di Victor Hugo, mentre in Carrer de Montcada, nel Born, si trova la via dell’ospizio di Santa Lucia, dove si rifugiava l’inconsolabile governante Jacinta e in cui oggi sorge il Museo di Picasso, da vedere. Juliàn e Nuria passeggiavano lungo la spiaggia: è la Barceloneta, zona che oggi ospita il Museu d’Història de Catalunya, oltre a ristorantini e locali per chi ama la movida per cui Barcellona è nota. La settimana del 29 settembre una grande festa anima la Barceloneta: il patrono San Miquel viene ricordato in quel periodo.
Il cuore del romanzo è ‘spaccato’ tra due luoghi simbolo della città, entrambi meravigliosi: Montjuïc e il suo castello, dove Fermin ha vissuto esperienze bruttissime, che saranno svelate nei successivi romanzi della saga, e la collina del Tibidabo. In Avenida del Tibidabo c’è la villa maledetta della famiglia Aldaya, ove si era consumato l’amore di Juliàn Carax e Penelope anni prima e dove nasceva quello tra Daniel e Beatriz. Per raggiungere la sommità di questa strada piena di splendide ville, l’altro lato di Barcellona, quello residenziale e sontuoso, si può prendere un tram blu che arriva fino alla cima; da lì un altro collegamento conduce al parco di divertimenti posto sulla sommità del monte, da cui si gode un panorama mozzafiato. È una meta da non mancare la cima del Tibidabo, e mentre passerete lungo la via, sul tram o a piedi, ammirerete le ville e potrete immaginarvi Daniel che si reca lì per incontrare Beatriz.
La Barcellona che ci descrive Zafón nel romanzo è quella del dopoguerra, ancora lacerata dai conflitti, ma pronta a risorgere e a guardare al futuro. Ci si comincia a concedere piccoli lussi, come andare in un caffè: il preferito di Daniel è il famoso Els Quatre Gats, in Carrer de Montsió, nel Barri Gòtic. Li si incontrarono i suoi genitori per la prima volta e il protagonista parla a Don Gustavo del romanzo di Juliàn, recuperato al Cimitero dei libri dimenticati. Daniel e Clara terminavano le loro passeggiate in una latteria in Carrer de Petritxol.   

Ne L’ombra del vento c’è tutta la città: La Rambla, il Raval, il Barri Gòtic, Montjuïc e il Tibidabo. Il romanzo abbraccia completamente Barcellona, dedicandogli uno splendido ritratto.
Allora vi è piaciuta questa passeggiata a Barcellona attraverso le fantastiche pagine dello scrittore Carlos Ruiz Zafon?Spero di si,e spero che come me vi sia venuta una voglia smisurata di andare a visitare tutti quei posti,per sentire e toccare la magia che lo scrittore ci ha trasmesso...

Alla prossima passeggiata un abbraccio    Emanuela

Nessun commento: