sabato 18 novembre 2017

Segnalazione - Silas - di Sj Himes



TITOLO: Silas
TITOLO ORIGINALE: Saving Silas
AMBIENTAZIONE: Boston
AUTORE: SJ Himes
TRADUZIONE: Emma Donati
GENERE: Romance
FORMATO: E-book (Mobi, Epub, Pdf) e cartaceo 
PAGINE: 177
PREZZO: 2,99 € (e-book) su Amazon, Kobo, Itunes, Google play, Store QE

DATA DI USCITA: 24 Novembre 2017

TRAMA
Tormentato dai suoi anni in guerra, il paramedico di Boston Gael Dominic passa il tempo a salvare le vite altrui. Una casa vuota, un unico amico e il lavoro, Gael non è felice della propria vita, ma gli basta comunque. Quando comincia il suo turno di notte, la sera della Festa del Ringraziamento, Gael si aspetta che sia lo stesso di sempre: folle impazzite, attacchi di cuore... fino a che una catastrofe non colpisce le strade di Boston, che vengono invase dal sangue.
In fuga da un padre abusivo e politicamente potente, Silas è rimasto sulle aspre, fredde strade di Boston per giorni, ferito, affamato e solo. Quando si sveglia nel bel mezzo di un incubo, pensa che morirà nello stesso vicolo che chiama casa.
Conosciutisi per via di una tragedia, Silas e Gael non riescono a resistere all'attrazione reciproca. Gael può aver salvato Silas da morte certa, ma è il suo angelo sperduto che lo riporta in vita.
Mentre il Natale si avvicina, Silas e Gael imparano ad amare, malgrado il loro passato. E mentre quello di Silas sta per tornare, Gael capisce che il più grande dono che può fare non è qualcosa comprato in un negozio, ma dato gratuitamente dal cuore.

CONTENUTI ESPLICITI. Avvertimenti: violenza domestica non esplicitata.


Read & Eat - La Pizza Letteraria -

Chi non ama la pizza?, a casa mia ormai è diventato tradizione il Sabato sera cena con pizza fatta in casa, credo sia il momento della settimana che amo di più!
Tutti attorno al tavolo, una bella fetta di pizza e un bel film o cartone da guardare tutti insieme. Ma ora veniamo a noi, grazie come sempre alla rivista il libraio, ho scoperto questo pizzaiolo " romanziere" ora ve lo presento!




Deborah Fasola ritorna con una nuova emozionante storia - Non dirgli che Ti Amo -



Titolo: Non dirgli che ti amo
Autore:  Deborah Fasola
Serie: Autoconclusivo – No serie
Data di uscita: 21 novembre 2017
Genere: Contemporary romance
Editore: Self Publishing
Numero pagine: 284
Formati: Ebook e Cartaceo
Prezzo: 0,99 Ebook – 7€ cartaceo

Sinossi  

Viviana vive una vita tranquilla a Roma, circondata dall'affetto dei suoi cari e riuscendo a realizzare i sogni della sua infanzia.
Ben presto la sua routine viene sconvolta da una notizia inaspettata che, in seguito a dei controlli medici che le diagnosticano un male incurabile, la vedrà mettere in discussione desideri e speranze future, primo fra tutte quello di diventare madre.
Il tempo a sua disposizione è poco e istintivamente fa una cosa che non avrebbe mai preso in considerazione altrimenti: iscriversi a un sito di incontri.
Proprio online conosce Cristian, che sembra provare una sorta di interesse nei suoi confronti. La ragazza gli aprirà in parte il suo cuore e, sebbene Cristian non conosca realmente i suoi piani, giorno dopo giorno si innamorerà di lei.
Purtroppo Viviana non ha fatto i conti con la famiglia di lui, soprattutto con il fratello, che sembra aver compreso il suo doppiogioco e che interviene prepotentemente nella sua vita, sconvolgendogliela più di quanto non lo sia già.
Un romance drammatico che sa di amore e di speranza.
Un amore impossibile.
Una storia di vita vera e di sofferenza, ma al tempo stesso romantica e intensa.


Judith Sparkle torna a farci sognare con una nuova fantastica storia, venite a scoprirla!



Titolo: Tutta la luce che abbiamo

Autore: Judith Sparkle
Data di uscita: 20 novembre 2017 
Editore: self su amazon (cartaceo ed ebook)
Pagine: 313
Genere: Romantic Suspense / New Adult


La ventiduenne Rachel Anderson ha una vita difficile: orfana di padre, anziché essere al college come le sue coetanee più fortunate, deve lavorare alla tavola calda del paese per aiutare in casa.
Adam Sutter invece è baciato dalla fortuna. E' un ragazzo attraente e abituato al successo tra i suoi coetanei: è il figlio del temuto giudice Sutter, un’autorità a Secrets, e frequenta l’ultimo anno della Duke. Anche Adam – come il padre – detta legge in città.
Ma ciò che gli altri non sanno è che lui odia l’università e suo padre che gli ha sempre pianificato la vita fin nei minimi dettagli.
Una notte Adam salva Rachel da un'aggressione: entrambi restano loro malgrado coinvolti nelle indagini della polizia su un crimine efferato e le loro vite s’intrecciano in modo irreversibile. Per difendere la ragazza dalle ingiuste accuse che le vengono mosse, Adam decide di prendersi delle colpe non sue, anche a costo di sfidare il potente genitore. Anche a costo d'innamorarsi di lei.
Ma non immagina che scegliere di amare Rachel significhi rischiare la prigione e rivelare il torbido passato della propria famiglia.
Proprio quando la situazione precipita e i due giovani corrono il pericolo di trovarsi invischiati in un intrigo ben più grande, il loro amore può diventare la chiave per riportare la luce in un passato di colpe rimaste impunite, d’inganni celati, di ombre che oscurano le loro vite come il lato buio della luna.

Estratto
"Dalla mia postazione in cucina m’accorsi della testa dai capelli castano chiaro di Adam, il ragazzo più ambito di tutta Secrets, riversa ciondoloni sul tavolo.
Avevo servito maxi hamburger innaffiati di ketchup e patatine fritte a lui e ai suoi amici del college. Poi loro se n'erano andati ed era rimasto solo.
In quel momento dimenticai quanto fosse carino e che ai tempi in cui frequentavamo la High School era stato eletto re del ballo: ormai era semplicemente l’ennesimo ragazzo con un dopo sbronza micidiale da cacciare fuori dal locale.
Appoggiai lo strofinaccio sul bancone della cucina e mi passai nervosa il dorso della mano sulla fronte madida di sudore: il caldo dei fornelli mi si era appiccicato in viso. Sbuffai e la frangia si sollevò sulla fronte. Attraverso la finestrella da cui allungavo gli hamburger alle cameriere, avevo una perfetta visuale della faccia collassata sul tavolo come una persona incosciente stramazzata sulla riva. Ero stanca, non vedevo l'ora di andare a casa e infilarmi sotto le lenzuola per dormire.
Avanti mi dissi. Sistemai meglio gli occhiali sul naso e uscii dalla porta con le ante girevoli.
Mi avvicinai pronta a dar battaglia.
Arrivata di fronte ad Adam mi fermai. Era davvero bello. Anche in quel momento in cui era sfatto, i capelli leggermente lunghi gli ricadevano in morbide ciocche sul viso. Gli occhi erano chiusi, con lunghe ciglia sottili, ma sapevo che erano di un azzurro intenso. La maglia attillata metteva in evidenza le spalle larghe e muscolose e il busto ben tornito.
Allungai la mano e provai a scuotergli il braccio, con delicatezza.
«Stiamo per chiudere» gli dissi.
Accidenti quanto erano duri quei muscoli! Il braccio non si era smosso di un millimetro.
Lui, però, dovette aver percepito qualcosa perché sollevò appena la testa e aprì di mezzo centimetro le palpebre, rivelando uno spicchio di cielo. Bofonchiò qualcosa d'incomprensibile e si voltò con la testa dall'altra parte, come per dormire meglio.
Sbottai frustrata. Gli strattonai il gomito con più forza.
«Ehi, principe azzurro!» lo chiamai. «Sveglia!»
Lui aprì di malavoglia gli occhi e il turchese delle iridi m’inchiodò, facendomi mancare un battito. Deglutii.
«Stiamo per chiudere» gli ripetei dura.

Adam faticava a uscire dai fumi del sonno. Doveva essere sbronzo forte. Dava l’impressione di avere udito a stento le parole e sperai avesse incamerato l’invito ad andarsene: avevo calcato, infatti, sulla parola “chiudere”.
Ma lui non colse il mio tentativo esplicito di farlo uscire con le buone maniere. Anzi, si sollevò con una calma snervante. Infine si appoggiò allo schienale della sedia guardandomi con aria tracotante e un irritante sorrisetto che gli arcuava la bella bocca.
Iniziai sul serio a spazientirmi. Appoggiai una mano sul fianco e l’altra sul tavolo in laminato.
«Allora, mi hai sentito?»
Il sorriso gli danzò sulle labbra in un chiaro segno di sfida.
«Ho un udito perfetto» ribadì a tono, inarcando indietro la schiena e stirando in alto le braccia. Mossa che, ovviamente, mise in risalto il suo corpo statuario. E l’accenno di barba chiara sul mento non aiutava di certo la mia concentrazione.
Feci appello a tutta la mia capacità di non scompormi davanti a tanta magnificenza.
«Allora non serve che ripeta l’invito che ti ho appena fatto.»
Mi guardò con aria scocciata, socchiudendo appena gli occhi come avesse dovuto prendere le misure per levare di torno una mosca fastidiosa.
Percepii subito aria di pericolo, come quando si solleva il vento dalla spiaggia e si gonfiano i cavalloni nell’oceano.
«I tuoi amici se ne sono già andati» commentai sperando che, nonostante fosse obnubilato dall’alcool, riuscisse a fare il collegamento successivo: sparisci anche tu.
Tuttavia, Adam aveva la faccia di uno che non intendeva darsi per vinto. Voleva stuzzicarmi. Mi indirizzò uno dei suoi migliori sorrisi da schiaffi e inchiodò i miei occhi nei suoi, tanto che indietreggiai mio malgrado.
«Mi hanno lasciato qui tutto solo soletto» si lagnò in tono stucchevole.
Afferrai un vassoio lasciato sul tavolo accanto e iniziai a riempirlo con gli avanzi di cibo, i bicchieri vuoti, le bottiglie e le lattine di birra e Coca.
«Strani amici se ti mollano qui, strafatto, a dormire.»
Adam si accigliò. «E tu che ne sai di amici?» arricciò divertito le labbra fino a formare un ghigno pericoloso. «Sei sempre da sola.»
«Meglio sola che dover stare con gente che non mi piace» ribattei in modo del tutto spontaneo. «I tuoi amici del college non mi sembrano molto affidabili.»
«Non ti stanno a genio eh?» mi guardò storto.
«No» gli risposi secca. Troppo secca.
Mi morsi la lingua.
Alzai gli occhi. Mi accorsi troppo tardi che la stoccata tagliente era stata una mossa sbagliata. Me l’avrebbe restituita con gli interessi. Infatti il ghigno sulla sua bella bocca, disegnata ad arte, si ingrandì e gli occhi brillarono di una luce sinistra.
Mormorò un motivetto a fior di labbra, una specie di canzoncina. Anche se solo sussurrato, afferrai al volo le parole e m’irrigidii in un battere di ciglia.
«Rachel-la-racchia. Rachel-la-racchia» canticchiò la melodia stonata che tutti i coetanei in città conoscevano, perché era la canzoncina con cui mi prendevano in giro a scuola.
Era un vile colpo basso. Indietreggiai, gli occhi lucidi. Non mi affibbiavano quel nomignolo dai tempi della High School: ero sicura di essermelo lasciato alle spalle.
Invece, ecco che affiorava di nuovo. Si vede che certe situazioni sono cicliche: se spariscono per un po’, è solo per tornare all’improvviso e farti stare ancora più male."

venerdì 17 novembre 2017

Contest firmato Follie letterarie.....


In occasione del secondo compleanno di Follie Letterarie, da oggi e per tutto il fine settimana, è attivo il contest sulla pagina facebook della casa editrice.(Pagina Facebook). In palio per due vincitori ci sono due libri a sorpresa di Follie Letterarie e un prodotto di Fantastika Biocosmesi, leader nella vendita di cosmetici italiani, ecologici, biologici e vegan certificati ( una candela profumata e un olio nutriente corpo e capelli).
Il regolamento è semplicissimo: basta condividere l'evento, invitare gli amici e completare la frase: La vera follia è...

Link evento


Come tornare a leggere.....

Vi capita mai di avere un periodo in cui dopo una lettura che vi ha deluso o più semplicemente in un periodo di forte stress e stanchezza, vi sparisca letteralmente la voglia di leggere? Io ci sono dentro proprio ora, e per una che dirige un blog letterario e divorava libri fino ad una settimana fa, non è il massimo!
Questo articolo preso dal sito Il libraio sembra aiutare io me lo leggo per bene vedremo se funziona!


Segnalazione fresca fresca, Emanuele Rizzardi ci presenta il suo - L'ultimo Paleologo -




Titolo: L'ultimo Paleologo
Genere: Narrativa storica
  • Copertina flessibile: 425 pagine
  • Editore: PubMe (2 novembre 2017)
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8871635647
  • Costo: 18 euro cartaceo, 3,99 ebook.

Trama:1453, Ancona. Quattro galee italiche prendono il mare per soccorrere Costantinopoli, assediata dal geniale e terribile sultano Maometto II. Chi le comanda è Alessio, bastardo della casata dei Paleologi, di ritorno a casa dopo un lungo esilio a causa di un turpe delitto.
Dopo aver umiliato le navi dell’ammiraglio turco Baltoglu, Alessio sperimenta la durezza dell’assedio e gli attriti fra occidentali e bizantini in una città agonizzante e prossima alla capitolazione.
Nella disperata ricerca di alleati, il basileus Costantino XI lo invierà nel Caucaso, presso il regno di Georgia, per portare a compimento una promessa matrimoniale rimandata troppo a lungo. Inseguito da vecchi nemici in cerca di vendetta, giungerà alla corte del duca di Kutaisi dove prenderà parte alla lunga e intricata guerra civile per conquistare il trono di "Re dei Re", signore di tutta la Georgia.

Biografia autore: Sono nato a Legnano (MI) il 22-02-1990, dove attualmente risiedo. 
Mi sono laureato in lingue presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e lavoro come professionista del marketing nel settore informatico.
Sono appassionato di storia fin da bambino, coltivo un interesse autodidatta particolare per il medioevo bizantino e per il Caucaso, mi sono formato sui saggi dei più noti storici contemporanei e non.
"L'Ultimo Paleologo" è il mio primo romanzo.